Anna Rosa Fontana, una fiaccolata perché non si ripeta più

MATERA – 7 dicembre 2010, 7 dicembre 2012. Due anni esatti dalla tragica scomparsa di anna Rosa Fontana, uccisa, a Matera, sotto gli occhi del figlio, da Paolo Chieco, successivamente condannato a 30 anni di carcere, con conferma in appello. Una fiaccolata, a Matera, per ricordare quei momenti ma soprattutto per tenere alta la guardia sul fenomeno dello stalking. L’attenzione che si trasforma in ossessione. Molestie quotidiane, silenziose e difficili da individuare e arrestare. Il sospetto diventa paura, erode la libertà fino a costringere in una prigione soffocante. Questo appunto è lo stalking, che comprende comportamenti reiterati di sorveglianza, controllo, contatto pressante e minaccia che invadono, con insistenza, la vita di una persona per togliere la quiete e l’autonomia.

 

Share Button