Fidanzatini di Policoro: il 3 maggio a Roma accertamenti sugli indumenti di Luca Orioli

I "fidanzatini" di Policoro

MATERA – La Procura della Repubblica di Matera, accogliendo un’istanza dell’avvocato Francesco Auletta, difensore di Olimpia Orioli nella vicenda della morte del figlio, Luca Orioli, e della fidanzata del giovane, Marirosa Andreotta, avvenuta nel 1988 a Policoro, ha disposto che il 3 maggio a Roma, presso i laboratori dei Ris dei Carabinieri, vengano eseguiti accertamenti sugli indumenti dello studente. Lo ha reso noto lo stesso Auletta, al quale è stato notificato il provvedimento. Il legale, in più occasioni, aveva sollecitato l’esame degli indumenti. Auletta nell’ottobre del 2011, a Scanzano Jonico, aveva presentato opposizione alla consegna degli indumenti in assenza di un verbale circa i contenuti in una scatola di cartone, sull’inidoneità dei luoghi e sulla necessita’ di effettuare gli esami in una struttura specializzata. Gli indumenti sarebbero scomparsi in occasione della riapertura della bara, il 17 dicembre del 2010, per effettuare la seconda autopsia condotta dal professor Francesco Introna sui resti dei giovani, la cui morte e’ stata attribuita a monossido di carbonio, tesi sempre respinta dai genitori di Luca.

Share Button