A Matera la sorpresa al capobanda Paolicelli

Nunzio Paolicelli

MATERA Nascevano dagli ambienti artigiani per poi trasformarsi in arte, nessuno solitamente gli ha mai dato la giusta importanza, nonostante le bande di paese, nei decenni scorsi, hanno costituito l’elemento cardine delle tradizioni popolari del meridione. Per non disperderne l’identità e soprattutto le numerose produzioni musicali di pregio, oggi, è necessario invertire la tendenza e salvaguardare la memoria. Nasce con questo scopo “La sorpresa al capobanda”, un cortometraggio dal piglio metà documentaristico metà surreale, che i materani Gianni Maragno e Michele Ciarfaglia hanno voluto dedicare al maestro Nunzio Paolicelli, discendente, 74enne, di una famiglia che ha da sempre guidato complessi bandistici. Lui stesso, ancora oggi, nelle occasioni di festa cittadina, è alla guida della Banda della Città di Matera e a lui si deve la fondazione, nel ’67, della Banda nazionale del Corpo dei Vigili del Fuoco. Il corto è stato presentato ai giornalisti questa mattina, nel corso di una conferenza stampa utile a lanciare un evento in programma domenica sera alle 19 nell’auditorium di piazza del Sedile: un concerto di musiche per banda di autori lucani, eseguito dal complesso bandistico “Francesco Paolicelli” diretto proprio dal capobanda Nunzio. Alla serata, che si concluderà con la proiezione del cortometraggio, parteciperà anche il compositore e direttore d’orchestra Nicola Samale, sodale di Paolicelli e al lavoro con Maragno su un progetto commemorativo della banda di Grassano, che nel ’26 subì un tragico incidente stradale nel quale persero la vita alcuni componenti.