“Cittadiniattivi” parte civile nel processo Pascucci?

Rosalba Pascucci

“Non lasceremo morire Rosalba una seconda volta”. Lo slogan era stato già lanciato martedì scorso in una manifestazione fuori dal Tribunale di Matera, ma continua a risuonare forte al suo interno. Il Comitato Cittadiniattivi di Bernalda e Metaponto, infatti, ha annunciato di aver avviato l’iter di costituzione di Parte civile per la morte della concittadina bernaldese Rosalba Pascucci, avvenuta l’8 settembre del 2010 nell’ospedale di Policoro dopo un parto cesareo gemellare. La decisione è scaturita dall’esito dell’udienza preliminare che vede imputati due medici accusati di concorso in omicidio colposo, svoltasi proprio martedì nel Palazzo di Giustizia di Matera. Il Comitato, in pratica, ha intenzione di affidare il mandato di rappresentanza per le varie fasi processuali all’avvocato Emilio Nicola Buccico affinché, si legge in una nota, “venga fatta piena luce sull’intera vicenda, soprattutto in relazione alle responsabilità dell’organizzazione clinica dell’Azienda Sanitaria di Matera, oltre alle specifiche responsabilità individuali degli operatori della struttura ospedaliera di Policoro”. L’auspicio è che venga applicato anche in ambito sanitario ospedaliero quanto per esempio accaduto per la Thyssen, dove sono stati massimamente recepiti i principi che hanno accertato il nesso causale doloso e diretto della dirigenza aziendale nella responsabilità della morte degli operai. Al contempo, il Comitato ha invitato l’Amministrazione Comunale di Bernalda a costituirsi anch’essa Parte Civile, se non altro perché tale è la richiesta di tutti i cittadini di Bernalda e Metaponto.