Lunedì 25 luglio manifestano le aziende del trasporto merci e persone di Cna – Fita.

Matera – La Cna-Fita di Basilicata conferma e rilancia la manifestazione nazionale in programma domani, lunedì 25 luglio, per denunciare l’aumento indiscriminato del prelievo fiscale sui carburanti. L’associazione di categoria invita tutti i tassisti, i noleggiatori e gli autotrasportatori lucani a manifestare il loro dissenso suonando il clacson per un minuto a partire dalle ore 12. La manifestazione, che permetterà al settore trasporti di alzare la voce insieme a tutti gli utenti della strada, è promossa dalla CNA – Fita e vi hanno aderito Federconsumatori, Adiconsum, Fit-Cisl, Filt-Cgil, Faib-Confesercenti, Fegica-Cisl, Transfrigoroute Italia Assotir, Anitrav, CNA Servizi alla Comunità-Autoriparazione, LegaCoop Servizi e il “Corriere dei Trasporti”. Tutte le associazioni, sempre domani, presenteranno a Roma il Comitato 25 luglio, che si proporrà come luogo di confronto permanente per le numerose sigle che rappresentano l’utenza della strada e che per la prima volta intendono cooperare. Con la manifestazione e con la costituzione del Comitato 25 luglio, si intendono denunciare gli aumenti delle aliquote delle accise disposti dall’Agenzia delle Entrate il 28 giugno scorso e validi fino al 31 dicembre 2011, aumenti che sono stati confermati nella Manovra a decorrere dal primo gennaio 2012 a tutto il 2015; una stangata di più di 10 miliardi fino al termine del 2015. Dunque invece di contrastare il caro carburante, che di suo sta notevolmente danneggiando il settore del trasporto, il governo, sottolinea la Cna – Fita, ha preferito la tassazione indiretta che ha già innescato un incontrollato rialzo dei prezzi alla pompa compromettendo ogni tentativo utile a calmierare il costo del carburante.

Share Button