Omicidio ad Altamura: ucciso pregiudicato del posto

Altamura (Ba). Ancora un omicidio ad Altamura: si è consumato nel pomeriggio di ieri, poco dopo le 18, in via Cirene, una traversa della più nota via Carpentino, in una zona centrale della località murgiana. Con circa 15 colpi di pistola, è stato freddato Domenico Fraccalvieri, detto Mimmo, pregiudicato altamurano quarantunenne già noto alle forze dell’ordine, sorvegliato speciale. Fraccalvieri era uscito di casa, aveva aperto il garage ed uscito lo scooter e proprio in questo frangente è stato raggiunto dai primi colpi di pistola; ha provato a rifugiarsi nel garage o quanto meno a cercare la fuga, ma l’omicida lo ha avvicinato ed ha sparato altri colpi fino a svuotare il caricatore. Inutile l’intervento dei sanitari, essendo Fraccalvieri morto sul colpo. L’assassinato era già stato vittima, lo scorso primo dicembre, di un attentato: quattro colpi di arma di pistola furono esplosi contro la sua abitazione; si trattava di una calibro 9, la stessa che è stata utilizzata ieri dal killer che ha fatto tempestivamente le sue tracce, forse aiutato da complici in auto. Sono ovviamente ora in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine; e già ieri in serata, la polizia municipale sulla provinciale “La Tarantina” ha trovato in fiamme  una  “Fiat Stilo”, risultata rubata a Matera. Potrebbe essere l’auto utilizzata per l’agguato e qualora fosse così potrebbero risultarne elementi interessanti. Fatto sta che si tratta dell’ennesimo omicidio che si consuma ad Altamura e che dovrebbe rientrare in una guerra tra clan per il controllo del territorio.