Anomalie nel mercato di pane e pasta

Matera – Dal 2010, il consorzio Campo che raggruppa mugnai e panificatori pugliesi e lucani, sta portando all’attenzione di stampa e istituzioni i risultati di un’indagine condotta dall’Università Federico II di Napoli su alcuni campioni di pasta di grandi marche. A preoccupare, è la presenza, rilevata, della micotossina Don, (tecnicamente deossinivalenovolo) elemento tipico dei grani di scarsa qualità prodotti nei paesi oltre il 41° parallelo. Arrivano nei mercati italiani perché rivenduti a prezzi bassissimi dai paesi produttori; una volta qui, sono tagliati, mischiati con il grano duro italiano e avviati alla produzione. Le conseguenze, purtroppo, si ripercuotono sulla salute dei consumatori ma anche sull’economia di questo settore. Guarda il video dell’approfondimento.

 

Share Button