Tenta di uccidere il padre: un arresto a Matera

Matera. “Devo scannare mio padre”: era il folle e ossessivo piano di un uomo di 39 anni di Matera, A.C., ex fornaio, arrestato sabato scorso dai Carabinieri. Incensurato ma noto alle Forze dell’Ordine per abuso di sostanze alcoliche, è finito in manette per tentato omicidio, violenza privata e maltrattamenti in famiglia continuati. Venerdì sera l’uomo, approfittando dello stato di dormiveglia del padre, ha provato a sferragli una coltellata con una lama di 20 centimetri. Ma il genitore 67enne, grazie anche all’aiuto del suo secondo figlio, è riuscito a bloccarlo. Sabato mattina, non contento e in forte stato di agitazione, forse in preda ai fumi dell’alcool, ha scatenato la sua furia omicida contro i genitori costringendoli a scappare di casa. Questi hanno allertato i Carabinieri con una telefonata al 112 che ha permesso ad un equipaggio del Nucleo Radiomobile di arrestare l’uomo. Violenze e minacce che si consumavano tra le mura domestiche da circa dieci anni, acutizzatesi negli ultimi tempi nello loro aggressività. E’ quanto hanno dichiarato i genitori dell’uomo arrestato, spesso costretti, soprattutto il padre, a dormire fuori. A coordinare le indagini il Pm Rosanna De Fraia.

Share Button