Tursi: la donna morta potrebbe essere Carmela Padula

L’esame del dna e il confronto della dentatura con materiale in possesso del dentista di famiglia sono due degli esami che daranno la certezza che il cadavere della donna trovato ieri nelle campagne di Tursi è quello di Carmela Padula, di 28 anni, scomparsa dal paese il 6 agosto scorso. Lo si è appreso a Matera. Il pm che coordina l’inchiesta, Annunziata Cazzetta, ha disposto anche alcuni esami tossicologici e ha chiesto ai due periti che hanno eseguito l’autopsia di far conoscere le loro conclusioni entro 90 giorni. I due periti, prima di eseguire l’esame autoptico, a Policoro hanno fatto un sopralluogo in contrada “Finata” diTursi – dove ieri è stato trovato il cadavere – per raccogliere elementi utili. Secondo quanto si è appreso, l’autopsia ha confermato che sul cadavere non sono stati trovati segni di violenza.

Share Button