Erosione della costa jonica: cattive notizie dallo studio Unibas

Potenza. Non sono buone le notizie che giungono dall’analisi metomarina contenuta nella relazione generale sugli interventi di mitigazione del fenomeno di erosione dell’arco costiero del Metapontino. Il lavoro redatto, per il Dipartimento Opere Pubbliche della Regione Basilicata, dal prof. Michele Greco e dall’ing. Giovanni Martino dell’Università degli studi della Basilicata spiega infatti che “Nel tratto più settentrionale della costa tra il fiume Bradano e Metaponto Lido è ipotizzabile che nei prossimi anni si registrerà la più preoccupante crisi regressiva della spiaggia. Non è credibile sperare in una naturale inversione di tendenza, con significativi recuperi volumetrici della spiaggia emersa e dei fondali come avveniva nel primo cinquantennio del secolo scorso” L’analisi che ha approfondito anche gli aspetti idraulici marittimi del paraggio jonico-lucano e sarà propedeutica alla definizione degli interventi strutturali di mitigazione del fenomeno di erosione specifica anche che “L’erosione costiera che negli ultimi anni sta interessando la costa jonica lucana, e in particolare il litorale di Metaponto costituisce, nei fatti, un problema complesso che interessa un’area storicamente caratterizzata da elevatissima dinamicità indotta da una profonda interazione tra le componenti del moto ondoso e la conformazione morfologica e sedimentologica della costa stessa. Gli apporti solidi risentono inevitabilmente del sistema di regolamentazione e regimazione dei corsi d’acqua sfocianti”.

Share Button