Interrogatori per l’operazione Miraggio

Gli arrestati

Matera. I fratelli marocchini Zaid El Hassan e Zaid El Houcine, arrestati a Matera dalla Polizia nell’ambito dell’operazione “Miraggio” contro l’immigrazione clandestina in Italia, ieri hanno sostenuto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip, Rosa Bia. Secondo quanto si è appreso, il primo, rispondendo alle domande del magistrato, si è detto estraneo alle accuse, mentre l’altro si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’avvocato dei due, Paola Moles, intanto, sta valutando se presentare ricorso al Tribunale del riesame contro l’ordinanza di custodia cautelare nei loro confronti. Nell’inchiesta è coinvolta anche la moglie di uno dei due immigrati, per la quale il gip aveva ordinato gli arresti domiciliari, ma che ora è tornata in Marocco. Sono indagati, inoltre, anche due imprenditori di Matera che assicuravano assunzioni fittizie degli extracomunitari, che i due fratelli arrestati facevano arrivare in Italia chiedendo somme da quattro a 12 mila euro, al fine di ottenere il permesso di soggiorno. Secondo l’accusa tali somme erano incassate dalla donna.

Share Button