Continua la protesta dei 60 dipendenti Apea

La protesta dei dipendenti APEA

Matera. Hanno fatto colazione alle sei con cornetti e focacce calde gli uomini che hanno dormito, su cartoni e bivacchi di fortuna,  davanti al piazzale della provincia, per non mollare nemmeno per un istante il presidio permanente. Si alternano i sessanta dipendenti APEA senza contratto da ieri e senza troppe prospettive di essere reintegrati dalla provincia di Matera. Non sono affatto soddisfatti dell’incontro avuto con il presidente della Provincia Franco Stella. Infatti l’unica possibilità paventata è quella della creazione di un nuovo progetto ad hoc per le sessanta unità ma pare che la Provincia non abbia risorse a sufficienza e quindi resta sempre aperto il dilemma su chi opererà e con quali fondi per la manutenzione e la pulizia delle strade di competenza provinciale. Stella infatti ha scaricato tutto su De Filippo oggi a Roma per la Conferenza Stato Regioni che non prima di sabato potrà esprimersi sulla faccenda. I segretari provinciali di  Fisascat Cisl  Antonia Deluca, Filcams Cgil Maria Bruna Montemurro e Uiltucs Uil Filippo Viaggiano hanno intanto hanno  scritto in una nota congiunta “La notte scorsa una rappresentanza dei lavoratori ha continuato il presidio, con  spirito di sacrificio, coraggio e con la speranza che l’indomani possa portare per loro e per tutti i loro colleghi il regalo più grande che ogni essere umano ha diritto di ricevere dalla sua vita: un lavoro dignitoso!”

 

Share Button