Rifiuti potentini a Matera: Adduce prende posizione

Matera. Ha fatto centro Augusto Toto due giorni fa quando con un interrogazione a risposta scritta aveva chiesto al Sindaco di Matera come fosse possibile che la nostra città dovesse accogliere per così dire i rifiuti di Potenza. E soprattutto come mai adduce non si fosse opposto all’ordinanza n.109173 del 28 maggio 2010 con la quale il Presidente della Regione Basilicata ha ordinato al Comune di Matera, di accettare dal 1° luglio al 30 novembre 2010 circa 4500 tonnellate di rifiuti prodotti “dal Bacino Centro “ della Provincia di Potenza. Ed il sindaco di Matera ha preso subito una posizione ed ha comunicato a Vito De Filippo “l’impossibilità nelle attuali condizioni di ospitare rifiuti provenienti da altri comuni. Adduce infatti a speigato al governatore lucano la situazione dell’impianto di compostaggio di Matera che, nel recente passato ha costretto la città a sua volta a conferire i rifiuti nella discarica di Pomarico con notevolissimo aggravio dei costi. In particolare l’attuale quinto settore della discarica ha una capacità residua di circa 70.000 mc alla quale andrebbero sottratte le quantità di rifiuti solidi urbani già provvisoriamente accantonate sui settori 3° e 4°, per cui risulterebbe di fatto già colmato anche il 5° ed unico settore disponibile. Ai fini della risoluzione della questione, gli uffici comunali hanno da tempo predisposto una proposta progettuale di rimodellamento ambientale teso a mantenere detto materiale nell’attuale localizzazione consentendo così di utilizzare appieno la capacità residua del nuovo 5° settore. La proposta presentata prevede la possibilità di rimodellamento complessivo dei quattro settori attraverso una unica colmata, tale che la capacità complessiva risulterebbe maggiorata di ulteriori 100.000 mc. L’impianto di compostaggio, inoltre, così come previsto dall’ipotesi di Accordo di Programma tra Regione Basilicata e Province di Potenza e Matera, necessita di un intervento di riqualificazione finalizzato a ridare efficienza agli impianti”.

Share Button