Alla CCIAA di Matera un incontro sulle strategie contro il sovraindebitamento

Il giornalista e scrittore Maurizio Costanzo ha partecipato oggi – in collegamento video – ad un convegno promosso a Matera dalla Camera di commercio sui rimedi e le strategie per contrastare il sovraindebitamento delle famiglie. Oltre a Costanzo, hanno partecipato il prefetto di Matera, Antonella Bellomo, il sindaco, Raffaello De Ruggieri, il presidente del Tribunale, Giorgio Pica, tecnici ed esperti che si occupano di contrastare il fenomeno.

Costanzo ha raccontato di aver fatto dei debiti, quando era ancora giovanissimo, subito dopo aver cominciato a lavorare come giornalista, “per garantire ai miei familiari la necessaria assistenza” dopo la morte del padre e la malattia della madre e di una zia: “Per fortuna – ha spiegato – il lavoro è proseguito nel migliore dei modi e ho potuto estinguere i debiti”.

“Esistono degli strumenti di legge – ha spiegato la Camera di commercio di Matera – come quello della Composizione delle crisi da sovraindebitamento: una seconda chance che può portare fino all’esdebitazione: il beneficio della liberazione dei debiti non onorati. A gestire l’iter per il sovraindebitamento è l’Organismo Sovraindebitamento Unioncamere Basilicata, unico soggetto in Basilicata a essere iscritto al Registro tenuto dal Ministero della Giustizia” “Da ottobre 2016 – ha detto il presidente della Camera di commercio di Matera, Angelo Tortorelli – l’Organismo Sovraindebitamento Unioncamere Basilicata ha offerto consulenza gratuita a quanti si sono rivolti per ottenere informazioni delle tante richieste d’aiuto giunte, sono 32 le domande depositate e, per 17 di queste, è già stato avviato l’iter. Le altre 15 sono in fase d’istruttoria. Delle 17 pratiche istruite, 13 casi riguardano la provincia di Matera e 3 quella di Potenza. Riteniamo che ci siano ancora molte famiglie che potrebbero rivolgersi al nostro sportello, in via Lucana a Matera, o a quello aperto presso la Camera di commercio di Potenza. Un senso del pudore a rappresentare le situazioni di difficoltà, spesso, porta a non chiedere aiuto. Con il convegno di oggi – ha concluso Tortorelli – abbiamo voluto trasmettere il messaggio che esiste una possibilità per liberarsi dei debiti e l’invito e a rivolgersi ai nostri uffici per valutare se si può accedere allo strumento del sovraindebitamento”.

Share Button