Lavoro, Regione Basilicata: protesta lavoratori con mobilità in deroga ed ex LSU ATA lucani

Presidio LSU ATA - PotenzaPOTENZA – Una delegazione dei circa 2700 lavoratori lucani interessati dalla mobilità in deroga si trova dallo scorso mercoledì in presidio permanente davanti alla sede della Regione Basilicata. Visitati nelle scorse ore dall’Assessore al lavoro Raffaele Liberali, gli appartenenti a circa 20 realtà produttive del materano e del potentino hanno chiesto l’accelerazione delle operazioni di avvio di un progetto agroforestale, presentato da tempo dalle sigle sindacali, il quale garantirebbe posti occupazionali.

“La situazione è ormai insostenibile e presto coinvolgerà aziende non ancora inserite nel quadro nazionale, pertanto chiediamo un impegno politico – hanno affermato gli interessati – con aggravante dell’uscita dalla mobilità che dal mese scorso riguarda un numero importante di persone, allargato alle famiglie a carico.”

Medesima richiesta di aiuto istituzionale con finalità di stabilizzazione è stata avanzata anche dai 100 lavoratori, assembrati nelle stesse ore presso la Sala A del Consiglio Regionale, rappresentanti dei 300 ex LSU ATA impiegati nei plessi scolastici lucani.

“Siamo a contorni demenziali – ha affermato Rosalba Guglielmi dell’Unione Sindacale di Base – e insistiamo nell’incontrare il Presidente del Consiglio Piero Lacorazza affinché coinvolga anche i Parlamentari lucani.”

Share Button