Matera 2019, restaurata Chiesa San Giovanni in Monterrone

È stata mantenuta la promessa di riconsegnare a Matera 2019 l’antica chiesa bizantina di San Giovanni in Monterrone, già accessibile dalla vicina Santa Maria de Idris e finalmente visitabile in tutta la sua bellezza. Il 12 settembre, giorno che la cristianità dedica la festività del nome di Maria, l’inaugurazione con prima visita ufficiale aperta alla stampa.
Il restauro è stato finanziato grazie ad una partnership pubblico-privata, voluta dall’azienda Rigoni di Asiago e sostenuta da Fondaco Italia e Cooperativa Oltre l’Arte. Ad effettuarlo il team di Luca Vincenzo Pantone, professionista originario di Tricarico, da anni a Roma.
“Matera è ormai riconosciuta per la sua bellezza – è emerso dall’assessore ai Sassi, Angela Fiore – ma si vuole soprattutto trasferire i suoi valori, il recupero delle unicità rupestri è una tappa fondamentale di questo percorso.”
Affrontate le difficoltà sulla bonifica degli intonaci sul muro in tufo, una webcam con 90 mila contatti ha seguito le varie fasi del restauro, durate sei mesi da marzo ai primi di settembre. In evidenza, le figure di San Pietro e San Giacomo Maggiore, graffiti con caratteri arabi dell’epoca e che rimandano al mondo ebraico. Sintesi non solo della storia materana ma anche dell’intero Mediterraneo.

Share Button