Potenza, 75esimo dal bombardamento che distrusse la città

alle ore 10 del 9 settembre 1943, nel cielo di Potenza formazioni quadrimotori di cacciabombardieri americani B-17 “Fortezze Volanti” e B-24 “liberator”, appartenenti alle forze aeree americane di base in Nord Africa, intrapresero un terrificante bombardamento a tappeto. E’ nelle parole scritte dal dottore potentino Luigi Luccioni, nel suo “Frammenti di Cronache e Ricordi di Potenza (1939-1944)” la memoria di quel giorno in cui persero la vita 150 civili e 37 militari di stanza nel capoluogo lucano, snodo fondamentale durante la liberazione dal Nazifascismo con la presenza della Caserma Lucania. Nel rione Santa Maria, i reparti dell’ex ospedale San Carlo vennero deflagrati. Oggi, a 75 anni di distanza, alcuni edifici sono ancora in piedi a testimonianza.

Grazie al lavoro di un team di ricerca, condotto dell’architetto Domenico Viggiano, il prossimo 28 settembre si celebrerà una messa commemorativa presso la parrocchia di San Rocco. Intanto prosegue l’opera di ricostruzione in 3D della Potenza storica, pressoché sconosciuta alle giovani generazioni.

Share Button