“Finalmente a casa”. L’ATER Matera consegna 32 nuovi alloggi al borgo La Martella

“Un sogno che diventa realtà. Finalmente a casa”

E’ la voce rotta di quelle famiglie che dal 6 Agosto 2019, possono finalmente dire di avere una casa. Presso il borgo La martella a Matera l’Ater ha consegnato 32 alloggi popolari ad altrettante famiglie assegnatarie in graduatoria. Nuovi agglomerati urbani in quel borgo risalente agli anni Cinquanta, progettato da Ludovico Quaroni e l’esperienza di Comunità della Fondazione Olivetti, che accolse una parte consistente dei residenti nei rioni Sassi, e quelli di oggi del complesso ‘’Ecopolis’’ e dell’ Ater legata al progetto Europan di edilizia sperimentale (come ha ricordato il sindaco della città dei Sassi Raffaello De Ruggieri).  “Un obiettivo importantissimo centrato dall’ATER – come ha dichiarato l’amministratore Vito Lupo  prima della consegna delle chiavi- considerate le svariate problematiche di natura legale che l’intervento costruttivo ha comportato a causa della risoluzione del contratto di appalto con la prima impresa appaltatrice nel lontano 2007 e del fallimento di una seconda impresa nel 2014. Rilevanti sono state le difficoltà tecniche incontrate nel corso della ripresa dei lavori che hanno interessato un lotto fermo e abbandonato di ben 6.000 mq, dimensioni tipiche quasi di un intero quartiere”.Ma non chiamatele “case popolari”, perché gli alloggi residenziali hanno una loro dimensione architettonica tale da far superare l’idea degli alveari con molte famiglie. Qui ogni nucleo familiare ha il proprio posto auto, il proprio giardino, il proprio pezzo di vita

Share Button