La frana non ferma la solidarietà. A Pomarico(MT) diverse iniziative per raccogliere fondi

Si torna a parlare della frana a Pomarico, nel materano, dove continua costantemente il monitoraggio della frana e degli immobili da parte dei Vigili del Fuoco, grazie al geo-radar posizionato al ridosso delle macerie degli immobili crollati. In via precauzionale, per via di alcuni movimenti franosi delle ultime ore, i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza un’altra zona del centro storico, poco lontana dalla voragine.Per ora, la situazione non è preoccupante, ma l’attenzione è alta. Dall’altro lato, continua la gara di solidarietà nella comunità e fuori dalla comunità pomaricana. Sugli spalti domenicali, questa volta da Lauria, continuano i cori che incoraggiano la cittadina a rialzarsi. Da Miglionico, grazie alla collaborazione con Montescaglioso, è stato organizzato un “trakking di solidarietà” nella giornata di ieri. Da Ferrandina invece ragazzi dell’ANSPI hanno organizzato due serate di beneficenza, mettendo in scena una recita “3P: il prete che fece tremare la mafia con un sorriso” che narra la storia di Don Pino Puglisi, vittima della mafia; Il 14 febbraio a Ferrandina presso la palestra scuola elementare e il 17 febbraio a Pomarico presso il palazzetto quartiere Aldo Moro; il cui ricavato andrà in beneficenza. Ma anche i giovani di Pomarico, fanno sentire la loro voce: l’associazione “Tourn around” per il 23 Febbraio ha organizzato un concerto di solidarietà , per raccogliere fondi da destinare alle famiglie in difficoltà, grazie all’aiuto di band della provincia di Matera che suoneranno gratuitamente presso il palazzetto dello sport. Tenere viva la comunità, è questo quindi lo scopo che gli abitanti devono perseguire per non permettere che gli eventi catastrofici mettano in ginocchio la cittadina.

Share Button