Maltempo. Situazione critica nel Potentino

Da 36 ore è critica la situazione sulla maggior parte della provincia di Potenza, investita dalla perturbazione atlantica che ha causato forti rovesci già a quote collinari con più di mezzo metro di neve raccolta al suolo.

Scuole chiuse venerdì e nella giornata di sabato 26 gennaio in numerosi comuni compreso il capoluogo regionale, dove la circolazione automobilistica è nella norma sui tratti principali grazie al lavoro di uomini e mezzi in capo alla municipalizzata Acta.

Nel bollettino delle scorse ore, problemi per alberi caduti in via Torraca e nelle zone rurali, dove il sindaco De Luca ha inviato la cittadinanza a non uscire di casa se non per motivi urgenti. Inoltre, black out alla rete elettrica Enel sono stati registrati in diversi punti cittadini, motivo che ha indotto al fermo di tutte le scale mobili ed ascensori degli impianti Ponte attrezzato e Basento, rimasti comunque aperti al pubblico.

Le forze dell’ordine hanno presidiato e reso fruibili gli uffici pubblici mentre sono stati annullati e c’è il rischio anche per oggi sui principali eventi promossi sul territorio. Confermato il divieto di transito sulle strade extraurbane per i mezzi pesanti, disposto dalla Prefettura, nell’hinterland il traffico è pressoché regolare sul raccordo Potenza – Sicignano e sull’autostrada A2 del Mediterraneo grazie all’intervento di Polizia stradale e Anas. Rallentamenti, invece, sulla strada Potenza – Melfi e stop ai treni regionali sulla linea verso Foggia, dove Ferrovie dello Stato ha garantito il 30% dei collegamenti.

Resta l’allerta arancione emanata dalla Protezione Civile. Le previsioni indicano ancora neve ma con tendenza al miglioramento nel weekend.

Share Button