Sosta a Potenza. Opinione pubblica “divisa” su stalli blu e bianchi

Dal 16 aprile ha preso il via la nuova regolamentazione delle aree di sosta a pagamento e libere nella città di Potenza. Come per le precedenti decisioni intraprese dal Comune, registrati pareri discordanti soprattutto sulle “strisce blu”: da un lato i favorevoli al ticket per consentire anche un ricambio maggiore nelle aree di sosta ed i contrari per il costo elevato a carico degli utenti e per una copertura ritenuta esagerata nell’area urbana che tocca la soglia del 70%.

Alcuni problemi sono stati registrati a via Del Gallitello, dove i controllori hanno fatto fatica a spiegare le nuove modalità del parcheggio a pagamento. Mentre la polizia locale ha intensificato le operazioni di controllo, abbiamo ascoltato esercenti ed utenza in Via Cavour, altro snodo commerciale del capoluogo. Altro tema quello degli stalli liberi con disco orario ai residenti, ad esempio in viale Marconi, prima imposto a pagamento e poi ritirato per via delle proteste rivolte all’assessore alla Mobilità Gerardo Bellettieri.

“Il sistema – ha dichiarato – favorirà innanzitutto i residenti delle zone nuove e vecchie” con previsione di agevolazioni per commercianti e loro dipendenti. Ancora una volta, rigettate le accuse di operazione per fare cassa da parte dell’amministrazione De Luca. “Stiamo definendo la mappatura – ha chiarito sempre Bellettieri – da cui emergerà il rispetto della dovuta proporzione tra spazi a pagamento e spazi dove la sosta resta libera e gratuita”. Questo mentre le opposizioni seguono da vicino l’evolversi della situazione.

Share Button