Bando eventi per Matera 2019, Fragasso: il Pd lo blocca

Dopo la querelle sul Carnevale a Matera che ha portato a far naufragare il progetto perché ad affidamento diretto, qualcuno, nei giorni scorsi, si è chiesto che fine avesse fatto il bando eventi – da Pasqua 2018 a maggio 2020 – , promesso dall’assessore Poli Bortone; l’esito dei numerosi incontri tra associazioni di categoria ed amministrazione comunale ne prevedeva la pubblicazione entro e non oltre il 28 febbraio.
Per primo è stato il presidente di Confereserci Lisurici a rimarcare l’impegno disatteso, apprendendo, da voci di corridoio, che una parte della maggioranza politica ha bloccato categoricamente il programma, rimandando la pubblicazione del bando a data da destinarsi.
Accuse che si palesano nella denuncia del consigliere Daniele Fragasso: “
nonostante abbia perso le elezioni comunali 2015 e sia poi entrato a far parte dell’Amministrazione da quasi un anno con il Governissimo, il Partito Democratico “continua a tentare di bloccare un’attività per dotare la città di Matera di un bando per gli eventi fino al 20 maggio 2020”, pronto dal 14 febbraio. Il Pd però (è bene che lo si sappia una volta per tutte) – sottolinea Fragasso – forte della sua sconfitta, continua a tentare di bloccare un’attività che per la prima volta ha visto insediarsi un tavolo di concertazione per gli eventi e l’utilizzo della tassa di soggiorno. È chiaro ed evidente che questo Pd, in larga parte vecchio, abituato alle clientele e all’assistenzialismo, non solo non produce attività politica per la città, ma paralizza lo sviluppo della città, abituato come è a rispondere ad una sola regola: la prepotenza.
Chi pensa di continuare a sperare di far fallire il progetto per proseguire calpestando le regole e soffocando le giuste speranze di noi giovani materani, è sulla strada sbagliata – conclude Fragasso. Si dia il via subito al bando per gli eventi che potrà portare economia e qualità di turismo. Se così non sarà bisognerà chiarire sino in fondo e una volta per tutte  ai cittadini qualche situazione che non fa certamente bene alla città, con le conseguenze che ciascuno può immaginare”.
Intanto mancano tre settimane a Pasqua e nulla si sa sugli eventi in programma: ammesso che ce ne siano.

Share Button