Papa Francesco in Puglia nel 2018. Emiliano: ci riempie di gioia

La visita di Papa Francesco a San Giovanni Rotondo, il prossimo 17 marzo, è “una notizia che ci riempie di gioia”.

Lo dichiara il governatore della Puglia, Michele Emiliano. “C’è un sentimento forte che lega la nostra regione a Papa Francesco – aggiunge – che si esprime negli ideali di giustizia sociale, uguaglianza, accoglienza, amore e rispetto per la vita e per il creato. Papa Francesco è un punto di riferimento per la comunità, l’emozione di poterlo ricevere qui in Puglia ha per moltissimi di noi un significato grande e profondo”.

Costanzo Cascavilla, sindaco di San Giovanni Rotondo

“Una notizia che onora la comunità sangiovannese, il Gargano e la Puglia” commenta il sindaco di San Giovanni Rotondo, Costanzo Cascavilla, commenta l’annuncio che Papa Francesco si recherà nella cittadina garganica il 17 marzo prossimo, in coincidenza con il 50esimo anniversario della morte di san Pio da Pietrelcina.

“Per la terza volta – prosegue il primo cittadino – un Papa sarà nei luoghi di San Pio. Lo sarà nel centenario delle apparizioni delle stimmate e nel cinquantenario della morte del frate cappuccino, eventi di grande significato spirituale che si amplificano con la venuta del Santo Padre. Sapendo delle grande capacità di accoglienza della nostra città, San Giovanni Rotondo sarà all’altezza dell’evento e si stringerà intorno a papa Francesco per condividerne opera e messaggio in favore dei più umili e dei sofferenti, così come ha saputo fare san Pio, realizzando Casa Sollievo della Sofferenza, simbolo di cura della salute senza dimenticare il sollievo del paziente e l’umanità del sofferente”.

Il sindaco aggiunge che la preparazione dell’evento partirà sin da oggi, certo che “grazie alla disponibilità dell’arcivescovo, dei frati cappuccini, all’impegno delle istituzioni regionali, provinciali e cittadine, al contributo delle forze dell’ordine e di tutti i sangiovannesi avremo modo di lavorare in serenità e profondo spirito di collaborazione per organizzare al meglio l’accoglienza e la visita del Pontefice. Per un giorno – conclude Cascavilla – papa Francesco non sarà un ospite ma un cittadino di San Giovanni Rotondo.

Share Button