Taranto, ecocarnevale ai Tamburi: bimbi in maschera contro l’inquinamento

Da simbolo dei disagi sociali e ambientali causati dalla prepotenza della grande industria e dall’inquinamento, oggi il quartiere Tamburi di Taranto assume un’altra veste: si “maschera” di bambini gioiosi, di colori e, soprattutto, di voglia di cambiare le cose. Si chiama “eco carnevale” la sfilata di circa 300 piccoli alunni dell’istituto Vico-De Carolis, accompagnati dai compagni più grandi della scuola secondaria De Carolis.

Il progetto, in collaborazione con la Fondazione con il Sud “Tamburi battenti” e con “Ecodidattica”, nasce nell’ambito delle attività di educazione ambientale e propone in chiave allegorica temi collegati alla sostenibilità e alla rigenerazione.

“Gli alunni – spiega Elisabetta Scalera, dirigente scolastico –  personificheranno i quattro elementi della natura, Aria, Acqua, Terra, Fuoco, in un simbolico giardino che richiama le bellezze naturali e antiche narrate da Virgilio nel IV Canto delle Georgiche. Il Vecchio di Corico, personaggio centrale della sfilata, richiama nostalgicamente l’amena Rocca Ebalia e il Galeso. Esso rappresenta una allegoria del cambiamento ed una esortazione alla rinascita”.

Share Button