A Bari, pasti caldi ai senza fissa dimora durante la festività di Ognissanti

Duecentotrenta persone, tra indigenti e senza fissa dimora, hanno potuto di un pasto caldo nella giornata di Ognissanti, in via del tutto straordinaria. 120 pasti distribuiti nella mensa di Santa Chiara, gestita dalla Caritas diocesana di Bari-Bitonto; ed ulteriori 100 pasti invece preparati dal centro diurno “Area 51”, gestito dalla cooperativa sociale Caps.

Lo ha reso noto l’assessore al Welfare del Comune di Bari, Francesca Bottalico, che in una nota ha dichiarato: “Abbiamo stabilito di aprire eccezionalmente le porte della mensa sociale finanziata dal Comune di Bari, perché quasi tutte saranno chiuse in occasione della festività di tutti i santi. Per questo devo ringraziare gli operatori del Caps, per la sensibilità e la prontezza con cui hanno risposto alla nostra richiesta”.

Non solo stranieri, ma anche baresi nelle mense gestite dalla Caritas e dalla cooperativa Caps. Un cambiamento sociale preoccupante, che dimostra come la povertà stia diventando un fenomeno sempre più diffuso.

Share Button