Migranti. Bitonto come Goro? Il sindaco: le proteste di alcuni cittadini non c’entrano

Dopo le proteste degli abitanti della zona, la cooperativa che stava effettuando lavori in uno stabile, a Bitonto, per poter accogliere migranti, ha deciso di abbandonare il progetto.

Secondo quanto riporta l’Ansa pugliese il responsabile della cooperativa “San Sebastiano” Raffaele Patella, proprietaria dell’ex mobilificio nella frazione di Palombaio destinata a ospitare i migranti ha dichiarato “Non vogliamo portare scompiglio al territorio in cui andiamo a operare”.

Una decina di giorni fa, gli operai erano al lavoro per adeguare quel luogo alla sua destinazione ma alcune decine di residenti avevano protestato, bloccando anche le auto in transito.

Fu necessario l’intervento della polizia municipale e degli agenti del commissariato di polizia di Bitonto, anche perché quei lavori non avrebbero potuto essere compiuti, a causa di irregolarità legate alla mancanza della documentazione necessaria.

Così i lavori furono bloccati e i manifestanti placati, anche dall’incontro che ebbero il giorno successivo con il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio il quale però in una nota su Facebook ha dichiarato poco fa che “il centro di accoglienza immigrati presso Palombaio non si realizzerà per motivi formali legati al procedimento di gara, con relativa esclusione della cooperativa gestore dall’affidamento definitivo da parte della Prefettura”.

Le dichiarazioni su Facebook del sindaco di Bitonto

Le dichiarazioni su Facebook del sindaco di Bitonto

Il sindaco sottolinea di essere in attesa del provvedimento di esclusione della Prefettura che ringrazia “per la correttezza”.

“Pertanto” conclude il sindaco “né la rabbia di alcuni cittadini, ne’ la volontà della stessa cooperativa, hanno causato il mancato insediamento. Bitonto ha dimostrato con i fatti (progetto SPRAR, asp,etc.) di essere Comunità istituzionalmente e socialmente pronta all’accoglienza. Tutte le altre illazioni le rispediamo al mittente”.

Nel frattempo però il caso è scoppiato (anche grazie a Repubblica e Il Fatto Quotidiano che riportano l’accaduto sulle proprie testate). Anche Matteo Salvini, leader della Lega Nord ha commentato: “Dopo i cittadini di Goro, quelli di Bitonto.

Matteo Salvini su Facebook

Matteo Salvini su Facebook

In una frazione del comune in provincia di Bari sarebbero dovuti arrivare 27 immigrati, ma il NO della popolazione ha vinto.
‘Se la gente non ci accetta, ce ne stiamo a casa. Abbiamo scritto alla Prefettura, noi lasciamo’ dice la presidente della Coop che aveva vinto l’appalto. Cittadini 1 – Clandestini 0. BRAVI!”

Share Button