Carcere Taranto, Fns Cisl: “Gratuito allarme sociale dall’Osapp”

Ingresso del Carcere di Taranto

Ingresso del Carcere di Taranto

Dichiarazioni lesive e inopportune dal sindacato di Polizia penitenziaria. Tuona la Fns Cisl contro le dichiarazioni “irresponsabili” rilasciate dopo la recente ispezione al carcere Carmelo Magli di Taranto dell’Osapp.

“Teorizzare l’improbabile fuga di personale della Polizia Penitenziaria dalla Casa Circondariale tarantina, tramite domande di trasferimento o distacco – per Crescenzio Lumieri Fns Puglia e Basilicata e Erasmo Stasolla Fns Cisl Taranto Brindisi – ha prodotto solo un gratuito allarme sociale e, soprattutto, è stato indirizzato un pericoloso messaggio ai detenuti circa la loro capacità di sopraffazione nei confronti dei poliziotti penitenziari in servizio”.

Dichiarazioni irresponsabili, insomma, dalle quali la delegazione Federazione Nazionale della Sicurezza Cisl prende nettamente le distanze, chiedendo piuttosto “all’Amministrazione penitenziaria di rendere note, in un prossimo incontro, quali iniziativa di tutela intende intraprendere, negli interessi del personale”. Restano infatti, e su questi punti insiste la Cisl, la carenza di personale, il sovraffollamento delle carceri e precarie situazioni organizzative e strutturali.

Share Button