Bari conferenza di fine anno del sindaco Decaro: nel 2016 quattro nuovi cantieri

Quattro simboli per altrettanti temi: ambiente, verde, decoro urbano e traffico

Antonio DecaroPartiranno quindi i lavori per la riqualificazione dell’ex fabbrica di amianto Fibronit, sarà realizzato il parco cittadino all’interno dell’ex caserma Rossani, inizieranno i lavori di restyling e riqualificazione di via Sparano e quelli per l’allargamento di via Amendola.

Continueranno poi i lavori per la riqualificazione del lungomare di San Girolamo, “la più bella spiaggia dell’Adriatico” ha detto il sindaco e “finiranno i lavori di un’opera che sarà un simbolo per la città, il ponte dell’asse nord-sud: un’opera di grande rilevanza architettonica e che – ha detto – collega due parti della città che non si sono mai parlate per colpa della ferrovia, che è un vantaggio perché trasporta ogni giorno centinaia di migliaia di persone ma anche uno svantaggio perché ha creato una frattura urbanistica e sociale”.

“Quel ponte – ha aggiunto – ricuce una ferita e diventerà anche un simbolo architettonico, con i suoi 78 metri di altezza, simbolo di una grande città europea”. Ma “una città cambia non soltanto grazie alle opere pubbliche ma anche se cambiano i servizi, – ha sottolineato Decaro – quindi maggiore trasporto pubblico con 50 nuovi autobus, raccolta differenziata porta a porta, servizi all’infanzia (più asili nido e ludoteche) e per la povertà (emporio sociale, banco alimentare, la rete dell’accoglienza, aumento di dormitori).

Nell’anno e mezzo che è passato – ha detto ancora il sindaco – abbiamo pensato alle piccole cose come i marciapiedi, l’apertura degli asili nido fino alle 18 per aiutare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei genitori. Abbiamo cercato di dare una visione con i contenitori culturali, sono stati aggiudicati i lavori per il teatro Margherita e il mercato del pesce, e poi l’accordo per la Manifattura tabacchi che ospiterà il Cnr”.

Share Button