Matera, parcheggio a pagamento non frazionabile. Delicio risponde a Federconsumatori

parcheggio_Saragat“Abolizione del pagamento, in modo frazionato, della sosta negli stalli blu, nella zona A (Via La Vista, via Ridola, via Don Minzoni, via del Corso, via Roma, via San Francesco, via Scotellaro, via XX Settembre, via Lucana e via Ascanio Persio) obbligando gli automobilisti a pagare una intera ora a 70 centesimi anche se sostano solo alcuni minuti”. Federconsumatori scrive all’assessore al traffico del Comune di Matera, Valeriano Delicio chiedendo di sospendere tale provvedimento, con il quale – dicono – si va ad applicare una delibera del 2013. “Non si tratta di un atto dell’assessore risponde Delicio ma di un contratto di servizio sottoscritto dalla Sisas, società che gestisce gli stalli, risalente al marzo del 2015, derivante a sua volta da un bando dell’amministrazione comunale nel 2014 e da un dispositivo del Consiglio Comunale di Matera del 2013″. “Abbiamo chiesto alla Sisas semplicemente – dice ancora Delicio – di dare attuazione al contratto di servizio, quindi, all’assunzione full time dei 18 dipendenti entro le 24 ore di due giorni fa. Nel contratto di servizio, però, era anche prevista una distribuzione diversa degli stalli che prevede i 50 centesimi ad ora in luogo dei 70 nella fascia B (Via Annunziatella, via Rosselli, via Gransci, via Cappelluti, via Passarelli e via Amendola); prezzi più calmierati nei parcheggi, (quelli al coperto, compreso gli abbonamenti) e poi 70 centesimi nelle strade centralissime. In tutto ciò, c’era questo elemento, non contemplato nel contratto di servizio, non previsto dal bando, ossia il frazionamento della prima ora, non delle ore successive. Questa cosa ha permesso a Sisas, nel rispetto del contratto, di trasformare il nuovo tariffario applicando il capitolato. Se la società non avesse ottemperato al cambio di tariffa e all’assunzione dei 18 dipendenti l’amministrazione avrebbe proceduto con la rescissione in danno. Abbiamo già invitata Sisas martedì in amministrazione comunale per provare a fare un ragionamento. E’ nella scelta di Sisas se frazionare o no la prima ora. Non abbiamo potestà come assessore come giunta come sindaco di rimodulare un contratto di servizio. Abbiamo solo la possibilità di convincere Sisas che è un atteggiamento sbagliato il mancato frazionamento della prima ora”.

Share Button