A Gravina in Puglia arriva la banda ultra larga

Alesio Valente sindaco di Gravina in Puglia (BA)

Alesio Valente sindaco di Gravina in Puglia (BA)

GRAVINA IN PUGLIA (BA) – “Già da qualche giorno sono al lavoro in città gli operai e i tecnici della Telecom, incaricati della posa dei cavi in fibra ottica che consentiranno agli internauti gravinesi di navigare ad una velocità che oscillerà tra i 30 ed i 100 megabit al secondo”.

Ad informare la comunità locale è il sindaco della città pugliese, Alesio Valente “la nostra città figura nell’elenco dei 38 comuni pugliesi nei quali si sta procedendo all’ammodernamento e velocizzazione della rete internet. Un risultato che abbiamo perseguito nel confronto con Regione e Ministero dello sviluppo economico e che, a partire dal giugno 2016, consentirà di rendere ancor più competitive le imprese del territorio e la stessa pubblica amministrazione”.

Si tratta di un investimento milionario, che si porterà appresso disagi al traffico, per prevenire e limitare i quali è già attiva una cabina di regia della quale fanno parte, insieme al direttore dei lavori, un rappresentante dell’impresa esecutrice, oltre che della Polizia Municipale e dell’Ufficio tecnico comunale.

Obiettivo dichiarato: pianificare periodicamente i lavori, al fine di ridurre al minimo gli inconvenienti.

In quest’ottica, stilato il primo elenco delle strade interessate dai cantieri Telecom: via santa Caterina da Siena, via Lopriore, via Firenze, via Caserta, via Tripoli, via Lecce, via De Gasperi, via Quasimodo, via Salsa, via Bachelet, via Aspromonte, via Pertini, via Fosse Ardeatine, via Picciano, via Trento, via Guardialto, via Isonzo, via san Giuseppe, via Palermo, via Guardialto piccolo, via Venezia, via Livorno, via Genova, via XXIV Aprile, via XXIV Maggio, via Pupilli, via Betocchi, via Brindisi.

Adottate tutte le misure per monitorare la qualità degli interventi effettuati e, in particolare, curare il perfetto ripristino del manto stradale.

In parte le fibre correranno nei cavidotti Telecom già esistenti. Là dove sarà indispensabile ricorrere allo scavo, si cercherà di prediligere per quanto possibile il ricorso alle minitrincee, ampie non più di mezzo metro. E nelle zone per le quali sono contemplati lavori di bitumatura secondo la programmazione già predisposta dal Municipio, si coordineranno gli interventi per evitare di dover rifare l’asfalto. In particolare, ai ripristini si provvederà con tecniche e tecnologie tali da non creare avvallamenti e, nel caso in cui lo scavo riguardi una strada nella quale l’asfalto sia stato steso da meno di 12 mesi, il ripristino non sarà parziale, ma riguarderà l’intera corsia interessata.

Share Button