Potenza. Ipotesi riduzione fondi al trasporto urbano. Co.tr.A.B. si mobilita.


Still0115_00000POTENZA – Stato di agitazione stamane del personale della Cotrab, la società che gestisce il trasporto pubblico del capoluogo. Le ragioni della mobilitazione sono sostanzialmente le seguenti: il mancato trasferimento delle ultimi mensilità e la preoccupazione per il nuovo piano di esercizio, predisposto dal Comune e all’attenzione delle Commissioni consiliari competenti.

Iniziano insomma a farsi sentire i primi reali effetti del dissesto che impone una razionalizzazione della spesa. Cotrab, in particolare, pesa sul bilancio circa 16 milioni di euro di cui l’amministrazione non può più farsi carico. Per questo, il nuovo piano di esercizio prevederebbe un taglio dei chilometri e un conseguente dimezzamento dei costi di gestione. Questo però comporterebbe una riduzione del personale dell’azienda e un nuovo allarme sociale. Il cane si morde nuovamente la coda. I danni ricadono sui lavoratori che si sentono in bilico e sui cittadini, fruitori dei servizi.

La situazione è in divenire e si è aperta una interlocuzione tra Cotrab, sindacati e Comune, anche se il sindaco di Potenza sembra avere le idee ben chiare e le ha espresse senza mezzi termini stamane nel corso di un incontro. “Il problema – ha detto De Luca – è di sostenibilità finanziaria. Ma l’attuale piano di esercizio fa schifo. Se girano pulman vuoti non va bene”. 

Intanto, i servizi, almeno per oggi sono sospesi ed intermittenti e si deciderà nelle prossime ore se prolungare lo stato di mobilitazione.

Share Button