Scuola. Adduce ai rappresentanti della Torraca: non desta preoccupazione staticità edificio

Lo ha detto stamane il sindaco di Matera, Salvatore Adduce che insieme all’assessore comunale ai Lavori pubblici, Nicola Trombetta, ha incontrato, in municipio, il dirigente scolastico della “Torraca”, Marialuisa Sabino, il presidente del Consiglio d’istituto, Pino Sicolo, Angela Martulli della segreteria, Michele Lupo e Anna Maria Ambrico, dello staff di dirigenza per fare il punto della situazione in merito alle condizioni dell’edificio.

 

L'incontro di Adduce con i dirigenti scolastici

L’incontro di Adduce con i dirigenti scolastici

MATERA – “Attualmente la situazione dell’edificio scolastico che ospita la scuola media ‘Torraca’ non desta particolare preoccupazione cosi come rilevato dai sopralluoghi effettuati. Il Comune di Matera, tuttavia, continuerà a monitorare le sue condizioni considerato che è trascorso quasi mezzo secolo dalla sua costruzione”.

Nel corso della riunione il sindaco ha evidenziato il forte impegno dell’Amministrazione comunale a individuare le risorse economiche utili a mettere in sicurezza tutti gli edifici scolastici di propria competenza.

Adduce, in particolare, ha ricordato l’investimento di 2 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici e l’inserimento della scuola di via Bramante nel programma “Piano città” finanziato dallo Stato.

“Anche per quel che riguarda la Torraca – ha aggiunto Adduce – abbiamo trovato le risorse necessarie alla sua sistemazione. Infatti, nelle prossime settimane la Regione Basilicata sottoscriverà un accordo con il Governo per assegnare alla città di Matera 3 milioni di euro da destinare alla “Torraca”. Altri tre milioni di euro il Comune di Matera li ha richiesti direttamente al Governo sulla base delle indicazioni fornite dal presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi. In particolare, Trombetta e Adduce, hanno specificato che il finanziamento richiesto è finalizzato non solo a rendere più sicura la scuola, ma anche a realizzare spazi di apprendimento al passo con l’innovazione digitale.

“Se la scuola cambia e si rinnova – ha detto Trombetta – allora devono cambiare anche gli edifici e gli spazi educativi, secondo nuovi criteri per la costruzione degli edifici scolastici e uno sguardo al futuro, ai nuovi spazi di apprendimento coerenti con le innovazioni determinate dalle tecnologie digitali e dalle evoluzioni della didattica”.

“L’obiettivo che vogliamo raggiungere – ha aggiunto il sindaco – è quello di garantire agli studenti un edificio scolastico sicuro, sostenibile, accogliente e adeguato alle più recenti concezioni della didattica sostenute attraverso i nuovi strumenti educativi messi a disposizione dall’innovazione tecnologica. Quando saranno resi effettivi i finanziamenti necessari avvieremo un dialogo con tutti i soggetti coinvolti, a partire dai rappresentanti dell’istituto, dai genitori, le forze sindacali, per decidere insieme sul destino della Torraca”.

I rappresentanti della “Torraca” hanno espresso soddisfazione per l’esito dell’incontro e si è deciso di aggiornarsi quando sarà definitivo lo stanziamento dei finanziamenti.

Share Button