Potenza. Inaugurato nuovo cimitero “Giovanni Paolo II”

Cimitero PotenzaPOTENZA – La cerimonia ufficiale ha visto la presenza del Vescovo metropolita Monsignor Agostino Superbo, del Sindaco di Potenza Vito Santarsiero, del Presidente Vito De Filippo e Pasquale Rolando Caprino, amministratore della Nuovo Cimitero di Potenza di Socomer Grandi Lavori.
Quest’ultima, società concessionaria che ha realizzato l’opera grazie al Project Financing promosso dall’Amministrazione cittadina.

Il Cimitero Nuovo è già entrato in funzione e dal 25 ottobre accoglierà le prime salme, terminando di fatto l’operatività dell’ultracentenario Cimitero Civico di Borgo San Rocco. Si estende su circa 120.000 mq ed è raggiungibile dalla s.p. 84, arteria che collega le aree dell’hinterland potentino verso il comune di Ruoti, integrata con una apposita rotatoria per facilitare l’accesso ad ingresso e parcheggi.
All’interno dela struttura, vi sono gli uffici, la casa del commiato, le camere mortuarie, la Cappella, gli spogliatoi e locali di servizio per gli operatori e le gallerie con il primo nucleo di tombe e colonnati, per un totale di 2885 loculi e 3140 ossari.
L’ingresso avviene attraverso il portale principale ed ulteriori quattro ingressi disposti lungo la galleria. Dal porticato d’ingresso è possibile accedere direttamente, attraverso percorsi coperti ai due livelli delle gallerie dove sono ospitati i loculi. L’accessibilità ai disabili è garantita da quattro ascensori. I loculi sono disposti in altezza su cinque file e sono frazionati con partizioni strutturali che facilitano il raccoglimento, alcuni loculi frontali sono raccolti in colonnati, in piccole nicchie dal carattere più intimo. Le gallerie sono dotate di servizi igienici e zone attrezzate con fontane su entrambi i piani.

Il Sindaco Vito Santarsiero ha osservato l’importanza per assicurare degna sepoltura, all’interno di una “opera di valenza storica per la città. In pochi anni – aggiunge – non solo abbiamo offerto alla città un numero di loculi sufficiente eliminando definitivamente quello che ormai si era caratterizzato come un vero e proprio “mercato nero dei loculi”, ma abbiamo dato una definitiva e civile soluzione al problema.”

Share Button