Emessa l’ordinanza sindacale su vendita bevende in vetro e consumo su suolo pubblico.

Gli antichi Rioni Sassi.

Matera – Il sindaco di Matera ha emesso l’ordinanza con cui si vieta, durante le ore serali e notturne, la vendita per asporto di bevande in contenitori di vetro e il consumo su suolo pubblico di bevande alcoliche. L’ordinanza è in vigore dal primo agosto e resterà valida fino al 30 settembre 2011. Cinque le disposizioni. Dalle ore 23,00 fino alle ore 6 del giorno successivo è vietata la vendita per asporto di bevande analcoliche ed alcoliche in contenitori di vetro. E’ inoltre vietata la consumazione, su aree pubbliche o private di uso pubblico, delle bevande nei contenitori di vetro ad eccezione della consumazione su superfici attrezzate, pubbliche o private, pertinenti ai locali di somministrazione. Dalle ore 24,00 alle ore 6,00 del giorno successivo è vietata la somministrazione o vendita di bevande alcoliche per il consumo o l’asporto fuori dal locale di somministrazione e dalle relative superfici attrezzate. Il divieto non si applica per le consumazioni effettuate all’interno di pubblici esercizi e nelle aree esterne autorizzate. Dalle ore 24,00 alle ore 6,00 del giorno successivo i titolari e i gestori degli esercizi di vicinato, devono interrompere la vendita per asporto di bevande alcoliche, salvo che sia diversamente disposto dal questore. I titolari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, devono interrompere la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche dalle ore 3 alle ore 6,00. Infine i titolari di esercizi commerciali o pubblici esercizi o attività artigianali sono tenuti a provvedere alla rimozione giornaliera di bottiglie, lattine ed altri contenitori di bevande alcoliche, analcoliche ed alimentari derivanti dalla loro attività. Questa l’ordinanza che prevede in caso di violazione diverse sanzioni per il consumatore e per il commerciante. L’ordinanza è contestata duramente dalle Associazioni dei commercianti per vari aspetti, soprattutto per il comportamento antisindacale assunto dal Sindaco di Matera che mai ha coinvolto le stesse associazioni per redarre il provvedimento. I commercianti la vedono di buon grado principalmente per una questione di decoro urbano.