I festeggiamenti in onore di S.Michele a Gravina

Un momento della festa di San Michele

Un momento della festa di San Michele

Gravina in Puglia (Ba) – Ieri Gravina in Puglia ha festeggiato S. Michele Arcangelo patrono della città. La processione partita dalla Cattedrale alla presenza del vescovo Mons. Mario Paciello ha attraversato le vie del centro. Per la statua settecentesca del santo quest’anno è stato realizzato un carro in cartapesta da Tina Nardiello. In processione anche il piccolo busto in argento di San Filippo Neri co-patrono della città. Il culto micaelico a Gravina probabilmente si è diffuso tra l’VIII e il X con i Longobardi, ma c’è un’altra ipotesi che lo vedrebbe introdotto dai bizantini. Nella tradizione popolare Gravina per tre volte ha beneficiato dell’apparizione di San Michele che la prima volta nel 977  scacciò i Saraceni dalla città. Il santo viene festeggiato due volte nel corso dell’anno. Gli atti ufficiali dei vescovi e Papi rilanciarono il culto dell’Arcangelo e caratterizzarono le due festività: quella del giorno 8 maggio fu riservata a San Michele delle grotte quella del 29 settembre al Santo Patrono di tutta la Diocesi, passata e attuale. Un’altra novità è stata rappresentata dalle sontuose luminarie, quest’anno studiate dagli studenti del Politecnico di Bari.

 

Share Button