Immigrazione, presentazione del Dossier statistico 2019 a Matera

Lavoro, scuola, religione, famiglie: sono gli ambiti dell’integrazione e parametro del rilevamento dei dati per il dossier sull’immigrazione 2019 del centro studi e ricerche IDOS.

Da uno sguardo nazionale si registrano meno arrivi, ma più morti: risultato della diffusione di messaggi distorti, dei due decreti sicurezza, della politica dei porti chiusi. Ma sono i numeri a parlare, evidenziando che non c’è alcuna invasione e che l’immigrazione serve all’economia e alla società.

In Basilicata in particolare, dove regna lo spopolamento. Nella regione sono 23217 gli stranieri residenti, al 31 dicembre 2018. C’è un aumento di appena 700 persone. Il 50,1 per cento sono donne. Il 17,3 minori. Più nel dettaglio delle province, a Potenza abbiamo 12282 residenti, per lo più Marocchini indiani, Nigerani, Ucraini, con un’incidenza sulla popolazione del 3 , 4 per cento.

A Matera 10935, per lo più albanesi Marocchini e Cinesi, con il 5,5 di incidenza. 250 i nuovi nati in Basilicata.

Su 2950 iscritti a scuola, la metà, 1055 sono nati Italia. Questi e tanti altri dati che ancora una volta evidenziano l’utilità sociale degli immigrati in una terra che soffre un grave spopolamento.