Spiagge sicure in Basilicata, un primo report dal Ministero dell’Interno

55 mezzi acquistati, 9 nuove assunzioni nella polizia locale, oltre 2.300 beni sequestrati. Salvini: “dal Viminale aiuto concreto ai sindaci. Così difendiamo commercianti e piccoli imprenditori”

Il Ministero dell’Interno ha diffuso oggi un primo rapporto sul progetto “Spiagge Sicure 2019″: al 30 giugno sono 2.362 i beni sequestrati in Basilicata, per circa 4mila euro di valore. 55 i mezzi acquistati e 9 le nuove assunzioni per personale stagionale della polizia locale.

Sono 4 in particolare i Comuni lucani rientrati nell’operazione che si concluderà il 15 di settembre. I 168 mila euro di finanziamento – in tutti i 100 comuni italiani i fondi stanziati ammontano a 4,2 milioni di euro – sono stati divisi tra Maratea, in provincia di Potenza, e Bernalda, Nova Siri, Scanzano Jonico, in provincia di Matera.

“Vicinanza ai sindaci e lotta all’illegalità” dichiara il ministro Salvini: “siamo soddisfatti dei primi risultati di Spiagge Sicure, iniziativa che abbiamo inaugurato l’anno scorso con risultati eccellenti. Per la prima volta, il ministero dell’Interno ha dato dei finanziamenti diretti agli enti locali. Un aiuto concreto che contribuisce anche a difendere i commercianti e i piccoli imprenditori dalla concorrenza sleale”.

Share Button