- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

Inchiesta Petrolio. Parla il sindaco di Viggiano Amedeo Cicala

“Piena fiducia nei magistrati, il Comune ha sempre denunciato anomalie e chiesto vigilanza oltre ai controlli.” Così il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala, in merito agli esiti dell’inchiesta sullo sversamento di greggio dal Centro Oli Val d’Agri. Annunciata la ricandidatura con un progetto civico.

“Abbiamo piena fiducia nel sistema giustizia, le indagini svolte testimoniamo le ragioni dell’amministrazione comunale che negli anni scorsi aveva denunciato anomalie e chiesto vigilanza oltre ai controlli.”

Così ai microfoni di TRM Network il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala, in merito alle accuse di disatro ambientale mosse dalla Procura di Potenza a causa dello sversamento di greggio dal Centro Oli Val d’Agri e che hanno portato all’arresto dell’ex responsabile dell’impianto Eni, Enrico Trovato, oltre a 13 indagati.

Alle recenti elezioni, il fratello del sindaco, Carmine, è stato eletto consigliere regionale in quota Lega “per farsi portavoce delle istanze dell’area” – ha precisato Cicala – con invito rivolto al governatore Vito Bardi di “realizzare la sede distaccata dell’Arpab così come chiesto oltre un anno fa da 20 sindaci”. Confermata la ricandidatura per un secondo mandato e proseguire “la valorizzazione territoriale – ha evidenziato – oltre il petrolio e con priorità all’occupazione”.

Share Button