Matera, gli anziani della residenza “Brancaccio” tra gli interpreti della Via Crucis

Matera. Una croce a cui sono inchiodati ogni giorno e che diventa sempre più pesante col passare degli anni. Sulle loro spalle la fatica, le sofferenze, la solitudine. Ma dove il dolore è di casa c’è chi, con professionalità e amore, si dedica giorno e notte per condividerlo ed alleviarlo. Probabilmente non ci sono persone e luogo più adatti, come la residenza per anziani “Brancaccio” di Matera , per l’interpretazione della Via Crucis utile a comprendere il sacrificio di Gesù che ha preso su di sé la sofferenze del mondo, per riportare fiducia e speranza nel cuore di ogni uomo anche quello piegato dalle prove della vita.
Ed è così che gli ospiti della struttura hanno vissuto un momento di preghiera e riflessione , nel pieno coinvolgimento non soltanto spirituale. Un’equipe di sarte volontarie hanno preparato gli abiti di scena: dai centurioni alla Veronica,  con la signora Concetta nel ruolo di Gesù, portando la Croce a bordo della sua carrozzina. Protagonisti anche gli operatori della cooperativa Il Sicomoro che, come dei “cirenei” , portano tutti i giorni un po’ la croce degli altri. Per familiari e amici un’esperienza davvero molto intensa, perché nessuno mai sia solo nel dolore. Guarda il video 

 

Share Button