Potenza, Pratiche di pace e diritti umani: Gino Strada ospite dell’Unibas

La Lectio Magistralis del fondatore di Emergency è in programma venerdì 15 febbraio presso l’Aula Quadrifoglio al Rione Francioso alle 10.00

Il titolo dell’intervento di Gino Strada, spiegano dall’Università della Basilicata  rappresenta “un tema attuale nonché di grande interesse culturale per la nostra comunità universitaria”.

“Strada” sottolinea il comunicato stampa di presentazione dell’iniziativa “è testimone di percorsi di pace e cooperazione ed oggi, più che mai, abbiamo bisogno di praticare i diritti umani per contrastare il clima di odio e di violenza che vediamo avanzare nel nostro paese e nel mondo, in un tempo in cui la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, con i suoi 70 anni, non è ancora pienamente attuata. Strada ed Emergency sono testimoni, dal 1994, di un percorso di pace e diritti umani, nella prospettiva di una medicina che offra “la cura, come diritto di tutti, senza discriminazioni”. Gino Strada ha contribuito a diffondere pratiche di pace e di medicina per tutti, lavorando in luoghi della terra martoriati dalle guerre, per garantire il diritto alla cura attraverso la creazione di nuovi ospedali e centri di assistenza medica”.

Già nel 2004, ricordano dall’Ateneo lucano “Gino Strada aveva ricevuto dall’Unibas la laurea magistrale honoris causa in Ingegneria civile ed ambientale, e sulla stessa scia, per il suo impegno in territori difficili, dove le scelte dell’uomo non sono mai separate da quelle del medico, oggi viene accolto nuovamente da questa comunità che continua a mettere in campo azioni per la diffusione della cultura della pace. Ogni cittadino dovrebbe sostenere, nei modi e nelle forme che vuole, pratiche di pace e di eguaglianza, per costruire, proteggere, accudire i valori su cui si fonda la convivenza civile, ed i luoghi deputati a farlo sono le scuole e le università, cioè luoghi dove si forma il pensiero critico e libero di ogni cittadino”.

L’intervento di Strada sarà preceduto dall’indirizzo di saluto della Rettrice, Aurelia Sole, e da un’introduzione del Prof. Giuseppe Terrazzano, docente del Dipartimento di Scienze.

Share Button