Matera 2019: De Vincenti e Nastasi confermano il cronoprogramma

“Cronoprogramma confermato.  Le progettazioni sono definite o si stanno definendo e i lavori partiranno nei prossimi mesi con conclusione tra i mesi di gennaio e aprile 2019”

Lo ha detto il Ministro per la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, a margine di una riunione in Prefettura convocata per analizzare lo stato di avanzamento del Contratto istituzionale di sviluppo e l’utilizzo delle risorse complessive a disposizione per Matera Capitale europea della Cultura per il 2019. Il Ministro ha, infatti, sottolineato che “sono disponibili delle risorse certe e riguardano la preparazione della città a ospitare l’evento Matera 2019”, ovvero 154 milioni di euro ( 25 del Cis e 129 a disposizione del Comune) a cui si aggiungono 47 milioni di euro per la Fondazione Matera – Basilicata 2019 destinati al programma culturale.

Per il Contratto Istituzionale di Sviluppo – ha spiegato il Coordinatore per gli interventi per Matera 2019, Salvo Nastasi –   si tratta di otto progetti, uno dei quali è stato aggiunto di recente e riguarda la bonifica della discarica dei rifiuti del Borgo La Martella, per 3,5 milioni di euro. Gli altri sette, invece, già noti, vanno dalla riqualificazione di piazza della Visitazione alla creazione di quattro Parchi tematici della Storia dell’Uomo, fino alla riqualificazione del sistema e della viabilità delle  Cave.

Altre risorse – ha evidenziato De Vincenti – rientrano nel Patto per la Basilicata e riguardano le grandi infrastrutture ; si punta ad accelerare come sulla Murgia Pollino per cui l’Anas “ha definito il progetto esecutivo con innesto a Gioia del Colle (Bari) con l’A14”, ma “l’orizzonte temporale va al di là del 2019”.  A questo proposito, il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, ha annunciato che “l’11 aprile i tecnici dell’Anas saranno in città per presentare il tratto materano della strada che, nei progetti, andrà ad adeguare la Matera-Ferrandina e quindi il collegamento con Potenza”.

“Dal punto di vista economico ci siamo –  ha detto Nastasi – sui tempi stiamo correndo”.

 

Share Button