Ferrovie. Il parlamentare lucano Cosimo Latronico sul piano infrastrutturale

“Non possiamo accettare un piano delle infrastrutture ferroviarie del nostro Paese che tagli fuori la Basilicata e l’arco jonico, da Taranto a Sibari. Nel provvedimento ‘Sblocca Italia’ feci includere tra le opere strategiche del Mezzogiorno proprio la tratta ferroviaria Salerno-Potenza-Taranto per costruire una connessione che porterebbe fuori dall’isolamento ferroviario la Basilicata e l’intero comprensorio ionico”.

Lo evidenza, in una nota, l’on. Cosimo Latronico (Noi con l’Italia). Secondo il parlamentare lucano, “dovremmo proseguire questa battaglia. Ha fatto bene a questo riguardo la Regione Calabria ad utilizzare i proprio fondi di coesione e sviluppo per finanziare per 500 milioni di euro un contratto di programma con Rfi e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per ammodernare la rete ferroviaria jonica da Rocca Imperiale a Reggio Calabria. Uguale interesse non hanno mostrato la nostra Basilicata e la Puglia per dare priorità all’asse ferroviario Salerno-Potenza-Taranto. La stessa tratta ferroviaria Ferrandina-Matera La Martella programmata con la penultima legge di stabilità avrà un senso se la tratta ferroviaria Salerno-Metaponto sarà potenziata. Spero che il dibattito pubblico aiuti queste scelte strategiche che mancano dalla programmazione della Regione Basilicata e” conclude “rappresentano una grave lesione del diritto costituzionale alla mobilità”.