Il cordoglio della politica e delle istituzioni per la scomparsa di Lacirignola (Ciheam)

Il mondo delle istituzioni e della politica si stringe alla famiglia di Cosimo Lacirignola, nato a San Pietro Vernotico nel brindisino, scomparso prematuramente all’età di 60 anni.

Lacirignola, già funzionario della Commissione europea, nel 1983 aveva iniziato la carriera al Segretariato generale del Ciheam a Parigi. Dal 1987 al 2016 è stato direttore della sede italiana del Ciheam, a Valenzano in provincia di Bari, trasformandola in un polo di eccellenza per l’intera area del Mediterraneo nel campo della ricerca, formazione e cooperazione sui temi dell’agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale.

A coronamento di questa intensa attività, nel 2013 era stato nominato segretario generale del Ciheam. Per un breve periodo è stato anche presidente della Fiera del Levante di Bari.

Maurizio Martina – ministro politiche agricole

Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina: “In questi anni Cosimo ha dato un contributo decisivo allo sviluppo dell’esperienza agricola e agroalimentare italiana e delle relazioni di cooperazione nel mediterraneo in particolare, grazie alla guida dell’Istituto agronomico mediterraneo di Bari. Proprio questa sua capacità e sensibilità lo aveva portato a rivestire l’incarico di segretario generale del Ciheam, Centre International de Hautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes, a ribadire la centralità strategica dell’agricoltura per il futuro dei popoli dell’area del Mediterraneo”.

”Perdiamo” sottolinea Martina “un uomo del dialogo, che ha saputo dare opportunità a tanti giovani ricercatori che si sono formati nell’Istituto e oggi operano in tanti Paesi. Con garbo e professionalità ha sempre portato avanti proposte utili e sostenuto progetti innovativi come successo anche ad Expo Milano, durante il semestre di presidenza italiano in Europa e con l’ultimo G7 agricolo. Ai suoi cari e a quanti hanno lavorato con lui fino all’ultimo va il mio cordoglio personale e quello di tutto il Ministero”.

Michele Emiliano – presidente Regione Puglia

In una nota si è espresso anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: “La prematura scomparsa di Cosimo Lacirignola ci addolora come pugliesi cittadini del Mondo. Mimmo Lacirignola” continua Emiliano “ha custodito la sua creatura, l’Istituto Agronomico Mediterraneo e ce l’ha affidata perché da Bari e dalla Puglia continui a partire un messaggio di pace e di sviluppo da un luogo che ospita giovani studiosi che provengono anche da terre martoriate dalle guerre. Toccherà a tutti noi tramandarne le opere e sviluppare i suoi progetti. Alla famiglia giunga la vicinanza della Regione Puglia e mia personale”.

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, esprime “il cordoglio dell’intera comunità metropolitana per la scomparsa prematura di” un “professionista stimato, uomo della cooperazione e delle istituzioni internazionali, grande conoscitore del bacino del Mediterraneo e dei temi legati allo sviluppo della sostenibilità ambientale in campo agroalimentare”.

Antonio Decaro – sindaco di Bari

“Se la terra di Bari è sede” dice Decaro “di un’articolazione della più importante organizzazione di cooperazione multilaterale internazionale per la ricerca e l’innovazione nei campi dell’agricoltura e della pesca, lo dobbiamo a Mimmo Lacirignola, segretario generale del Ciheam, che nel tempo ha saputo, con passione e dedizione, coordinare un folto gruppo di ricercatori e di studiosi dell’area Euromediterranea per creare una realtà in cui innovazione e tutela delle peculiarità locali andassero di pari passo”.

“Le sue competenze professionali” conclude il sindaco di Bari “unite alle sue qualità umane lo hanno reso un punto di riferimento per le istituzioni su temi chiave per lo sviluppo sostenibile, come dimostrano i suoi incarichi di consulente per il ministero dell’Agricoltura e i numerosi riconoscimenti ottenuti da prestigiose organizzazioni internazionali anche in virtù del suo impegno al fianco delle comunità dei Paesi in via di sviluppo di tutte le sponde del Mediterraneo. Oggi perdiamo una delle personalità di maggiore esperienza e autorevolezza, riconosciute a livello internazionale, su temi cruciali per il futuro del bacino del Mediterraneo”.

Nichi Vendola – ex presidente Regione Puglia

“Una notizia davvero troppo dolorosa” ha dichiarato l’ex governatore Nichi Vendola “Mimmo è stato un grande pugliese, conosciuto e stimato in tutto il mondo, un instancabile promotore di politiche di formazione e di cooperazione tra Paesi del Mediterraneo, un uomo di pace e di cultura. Mimmo si faceva amare per quella sua speciale mitezza, per quella cordialità con cui sapeva accogliere qualunque interlocutore. La Puglia oggi perde un insostituibile punto di riferimento, noi perdiamo il sorriso e l’intelligenza di un uomo buono e giusto”.

Addolorato per la scomparsa di Lacirignola, dopo mesi di lotta a un male incurabile, l’europarlamentare Paolo De Castro: ”perdiamo uno straordinario protagonista della cooperazione agricola mediterranea. L’Istituto agronomico di Bari, sede italiana del Ciheam di Parigi di cui da gennaio era il Segretario Generale, non perde solo il suo primo dirigente, ma perde un riferimento costante degli ultimi trent’anni delle politica di cooperazione agricola”.

Paolo De Castro – parlamento europeo

“Era più di un fratello” ha aggiunto De Castro “Abbiamo condiviso per oltre 50 anni tutto! Dalla scuola agli studi universitari, al lavoro alle passioni e agli affetti più cari”.

 

Share Button