Vittime della strada, una fiaccolata e lezioni di sicurezza nelle scuole tarantine

Una fiaccolata per ricordare le vittime della strada. Questa mattina la presentazione dell’evento a Statte. Il “Pulman azzurro” della Polizia Stradale, partner del progetto, stazionerà in città giorno 16 novembre dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16,00 alla fine della fiaccolata, che partirà dalla biopiazza a partire dalle 17.30.

Il 21 ottobre del 2010, Michael, 25 anni perdeva la vita sulla Martina Franca-Cisternino. Il suo tributo, la sua perdita e il dolore dei suoi famigliari, da sette anni accende il fuoco del ricordo delle vittime della strada. A farsene promotore è il papà di Michael, Onofrio Cavallo, presidente dell’Associazione Trapiantati d’Organi della sezione di Martina Franca, che all’epoca non riuscì a donare gli organi di suo figlio lasciato per più di tre ore senza cure adeguate, ma che a sua volta nel 2003 aveva invece ricevuto il trapianto di fegato grazie alla sensibilità di una famiglia di Parma che aveva perso prematuramente il loro figlio di 18 anni proprio in un incidente stradale.

Storie parallele – che ha spiegato Cavallo, questa mattina nella conferenza stampa convocata al Comune di Statte – ci dicono quanto sia importante la prevenzione, la cultura stradale soprattutto nei più giovani. In occasione della Giornata Mondiale del ricordo delle vittime della strada quattro comuni di mobilitano. Montemesola, Crispiano, Martina Franca e Statte, che giorno 16 dalla mattina alla sera ospiterà il pulman azzurro della Polizia Stradale, e nel pomeriggio ha organizzato una fiaccolata di ricordo per tutte le vittime di incidenti stradali.

“Statte ha pagato un notevole tributo in questi anni – spiega il sindaco Franco Andrioli – un sacrificio di vite umane, vite spezzate, che abbiamo il dovere istituzionale di interrompere non solo garantendo strade efficienti, ma anche la giusta valutazione del rischio da parte dei nostri ragazzi”.

“In questi giorni grazie al contributo del Moto Club di Martina Franca, la sicurezza stradale è entrate nelle scuole di Statte.
Svolgiamo lezioni ai ragazzi seguendo i disciplinari del MIUR – spiega Cosimo Scarnera, educatore stradale del Moto Club di Martina – e così contiamo di fornire strumenti utili ai futuri automobilisti del nostro territorio”.

“La maniera più forte per ricordare e perseverare il ricordo di chi non c’è più e ha deciso di dare un senso al proprio dolore donando gli organi è proprio questo – dice l’Assessore alla Cultura del Comune di Statte, Deborah Artuso – per questo ci aspettiamo che tutta la comunità stattese voglia dare il suo contributo alla buona riuscita di questa giornata”.

 

 

Share Button