Minacce ai sindaci, la Camera approva inasprimento della pena

Può essere definito coraggioso, colui che decide di occuparsi della propria comunità mettendo al servizio dei cittadini il suo tempo, il suo lavoro e anche la sua vita. Oggi i sindaci di tutta Italia, costretti a lavorare con scarse risorse finanziarie e un sistema burocratico che concede loro poche competenze territoriali, si trovano a non poter dare risposte alle esigenze dei cittadini. Nella migliore delle ipotesi, il cittadino decide di non appoggiare più il primo cittadino e fare beffa di lui sulle piazze dei social network; nella peggiore delle ipotesi, gli amministratori locali sono soggetti a illazioni, offese e addirittura minacce. Il 76% degli atti intimidatori agli amministratori locali si concentra nel Sud e nelle Isole. La camera dei deputati ha però approvato qualche giorno fa,con l’astensione di 5 Stelle e Lega, la proposta di legge 3891, figlia della Commissione di inchiesta sul fenomeno degli amministratori locali minacciati, presieduta dalla Senatrice Lo Moro e già approvata dal Senato nel Giugno del 2016. Il testo allarga la tutela a sindaci, amministratori locali, consiglieri regionali e parlamentari già prevista dal codice penale quando vengano fatti segno di atti che, volti a intimidire l’amministratore in relazione all’integrità della sua persona e dei suoi beni, minacciano, nel contempo, il buon andamento della pubblica amministrazione. Viene reso obbligatorio l’arresto in flagranza di chi compie atti intimidatori. Arriva, poi, una aggravante che scatta quando le condotte intimidatorie abbiano una valenza ritorsiva rispetto alle decisioni assunte dall’amministratore. Sanzionati anche gli atti intimidatori nei confronti di aspiranti consiglieri comunali, cioè i candidati alle elezioni amministrative.Forse, però, prima di arrivare a questo, dovremmo prima di tutto chiederci se siamo cittadini attivi della nostra comunità, piccola o grande che sia; perchè quando si è cittadini, non ci sono solo diritti ma anche doveri. Sugli amministratori locali attuali non possono essere scaricate tutte le colpe forse di pregresse situazioni irrisolte; perchè bisogna ricordarsi che la forza di una comunità sono i suoi cittadini, prima ancora degli amministratori.

Share Button