Basilicata. Numero speciale del Bur con atti su ambiente, petrolio e agricoltura

La Regione Basilicata ha pubblicato nel numero speciale del Bollettino ufficiale (Bur) la delibera con cui è stata decisa la sospensione delle attività nel Cova, il Centro oli di Viggiano (Potenza), approvata sabato 15 aprile.

La sospensione delle attività decisa dalla giunta regionale – per tre mesi – deriva da “inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali”, in relazione a un presunto inquinamento dell’area del Centro oli per una fuoriuscita di greggio da un serbatoio, e ai successivi monitoraggi ambientali della zona. Lunedì scorso, pur non avendo ancora ricevuto la notifica della delibera della giunta regionale (arrivata poi martedì), l’Eni ha deciso di fermare l’impianto, avviando le procedure di arresto dell’attività.

On line da oggi sono inoltre state inserite – secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa della giunta regionale – le linee guida per il corretto inserimento nel paesaggio degli impianti alimentati con fonti rinnovabili, l’avviso pubblico per richiedere le “provvidenze per i danni da eccesso di gelo verificatisi nelle province di Potenza e Matera nel periodo 5-7 gennaio 2017” e una delibera che include “nelle aree danneggiate dall’eccezionalità dell’evento atmosferico” anche i territori di Accettura, Nova Siri, Pomarico, Rotondella (Matera) e Latronico (Potenza).

Share Button