Scuola: Mollica, studenti lucani a ‘Percorso della memoria’

“‘Non curiosità di vedere ma proposito di ispirarvi vi conduca’. Mentre il solo ricordo di un uomo è il frutto delle nostre sensazioni, trovarsi fisicamente dove oggettivamente quel caduto lottava contro i nemici e la sorte, ti distrugge emotivamente, ti colpisce e ti ferisce l’anima”.

Così il presidente del Consiglio regionale, Franco Mollica, nel corso di una visita al sacrario di Redipuglia, e del viaggio in Friuli-Venezia Giulia con i 102 studenti lucani per il “Percorso sulla memoria, dalla Grande Guerra alla grande pace”.

L’obiettivo dell’iniziativa “messa in campo dal Consiglio regionale e rivolta alle scuole – ha spiegato Mollica, secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa dell’assemblea – è stato quello di riavvicinare le generazioni di oggi a un pezzo della nostra storia, ormai dimenticato, ma importante per capire il mondo di oggi, perché la prima Guerra Mondiale è stato l’inizio di un cambiamento globale che arriva ai giorni nostri. Un modo per apprezzare il valore della pace partendo proprio dal toccare con mano gli orrori, le sofferenze e le macerie che la guerra ha lasciato sul campo”.

“Aver calpestato quei camminamenti e toccato le pareti di quelle trincee insieme ai ragazzi – ha continuato Mollica – è cosa completamente diversa dallo studiare e ricercare nozioni di storia sui libri o dal vedere un film sull’argomento. Un progetto che prima di tutto è umano e culturale e che ha puntato sulla formazione dei giovani, nella piena convinzione che solo attraverso una formazione totale le nuove generazioni possano imparare a lavorare attivamente per la risoluzione dei conflitti e farsi garanti del mantenimento della pace”.

Share Button