This option will reset the home page of this site. Restoring any closed widgets or categories.

Reset

Basilicata. Il presidente regionale in “tour” nei territori per migliorare la conoscenza

“Un presidente ha bisogno di vivere di persona il territorio” e “la mia scuola sono i tanti comuni che voglio visitare per migliorare la conoscenza che ho della comunità lucana”.

Così il presidente della Regione, Marcello Pittella, nel corso di una visita a Sarconi e Moliterno (Potenza) nell’ambito della quarta tappa di #BasilicataInComune, il tour organizzato “per illustrare a cittadini ed amministratori il lavoro compiuto in tre anni dal governo regionale, ma soprattutto per accogliere le istanze ed ascoltare le esigenze della diverse comunità”.

Pittella, secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa della giunta regionale, incontrerà oggi i sindaci, i rappresentanti istituzionali e i cittadini della Val d’Agri. Il governatore in mattinata ha fatto visita agli alunni dell’istituto comprensivo “Abate Racioppi” di Sarconi.

Il presidente si è intrattenuto, al termine dell’incontro, con i ragazzi dell’istituto comprensivo, con i quali ha scambiato alcuni palleggi di pallavolo, memore della sua esperienza da professionista maturata nella serie B1 fino al 1993.

Pittella a Tramutola (PZ)

“Come creare occasioni di sviluppo? I prodotti tipici della nostra regione – ha anche evidenziato Pittella – fra cui il fagiolo di Sarconi, devono puntare soprattutto sulla qualità. Ma c’è bisogno di investire su ricerca e innovazione tecnologica, e noi come istituzione dobbiamo garantire i mezzi per poter far conoscere i nostri prodotti sui mercati nazionali e internazionali”. “Non possiamo portare l’industria a Maratea o il mare nell’area della Fiat. Dobbiamo invece – ha proseguito Pittella – valorizzare e mettere insieme le peculiarità dei nostri territori, dei nostri 121 comuni. E’ però indispensabile fare squadra, costruire una rete, mettere insieme ogni territorio della regione per creare un’unica famiglia, capace di sfruttare al massimo le proprie peculiarità. Ai giovani suggerisco di puntare a diventare liberi professionisti o imprenditori. Sono passati i tempi dell’impiego pubblico o del posto fisso. Dobbiamo sapere che i ragazzi devono investire sulla conoscenza e sulla cultura, puntando su quei settori che possono dare grandi opportunità: tecnologia avanzata, web, sicurezza dei dati, agricoltura, osservazione della terra e turismo”. Infine, un passaggio sulle tematiche ambientali.

“E’ nostro preciso dovere – ha concluso Pittella – tutelare la salute dei cittadini e la sicurezza ambientale e quando vengono riscontrate irregolarità, interveniamo con decisione, come accaduto in questi ultimi giorni. La Diga del Pertusillo? Mi si dice da anni che in quell’invaso c’è il petrolio. In realtà le cose non stanno così: dopo le ennesime analisi fatte non solo da Arpa ma anche da privati e dalla vicina regione Puglia è stata nuovamente esclusa la presenza di idrocarburi. Questo non significa che dobbiamo abbassare la guardia. Siamo fortemente impegnati a scoprire le reali ragioni di alcuni fenomeni ambientali che hanno suscitato allarme tra i cittadini”.

Share Button