Maltempo tra Basilicata e Puglia, panoramica su viabilità e interventi di soccorso

L’Ufficio lucano della Protezione civile rassicura: “per oggi sono previste deboli nevicate sul Pollino, nel Marmo Melandro e lungo tutta la fascia tirrenica”.

La viabilità è “quasi normale su tutta la regione, con punte di difficoltà nelle aree interne del Vulture Melfese e in direzione Matera-Altamura”; anche i collegamenti ferroviari “sono normali con la riapertura della tratta Matera-Bari delle Ferrovie Apulo Lucane (Fal)”.

A Matera dopo i soccorsi sulle zone più colpite che hanno visto impegnati uomini e mezzi del Comune sulle masserie isolate della Murgia, di Serra d’Alto, Torre Spagnola, Contrada Tirlecchia fino a Madonna delle Vergini e a Timmari, le attività proseguono per ripristinare ordinarie condizioni di vivibilità nella città e nei borghi. E’ in corso la rimozione dei cordoli di ghiaccio lungo i marciapiedi per consentire l’accesso sui mezzi del trasporto pubblico.

Cominciati i sopralluoghi dei tecnici comunali nelle scuole per valutare singole situazioni e l’accessibilità alle strutture. L’Ufficio Sassi sta verificando la situazione negli antichi rioni.

L’assessore alle politiche agricole Braia dopo i primi sopralluoghi si dice preoccupato per le produzioni orticole compromesse e ricorda alle aziende locali di corredare con foto, il modello disponibile sul sito della Regione per la segnalazione dei danni. Redatto il documento che formalizza la richiesta di stato di emergenza, secondo quanto si apprende, il ministero guidato da Martina, attende solo che le regioni interessate lo trasmettano per l’accoglimento.

Riaperta la statale 7 nel tratto tra Castellaneta e Laterza (ovviamente il transito è consentito solo ai veicoli dotati di catene o pneumatici da neve) mentre resta il divieto di circolazione nel tratto compreso tra Laterza e Matera, sulla statale 100 (tra Mottola e Gioia del Colle) e su tutte le strade provinciali ricadenti nei territori comunali di Castellaneta, Ginosa e Laterza.

Il presidente Emiliano si è svegliato nuovamente a Santeramo in Colle dopo averci dormito per la seconda notte di seguito per verificare sul posto lo stato degli interventi per far fronte all’emergenza-neve dopo aver compiuto un sopralluogo ad Altamura e a Gravina in Puglia.

Share Button