This option will reset the home page of this site. Restoring any closed widgets or categories.

Reset

Puglia ancora nella morsa del freddo, Emiliano dopo Altamura e Gravina nuovamente a Santeramo

La Puglia è ancora stretta nella morsa del gelo: questa notte ha nevicato ancora a Bari, a Lecce, nei Comuni della Murgia, del Tarantino e del Subappennino dauno.

Bari si è svegliata con le strade innevate e i pochi centimetri di neve si stanno trasformando in ghiaccio: al momento comunque le strade sono transitabili e non è necessario l’uso di catene o di pneumatici termici. Nel capoluogo pugliese funzionano i mezzi pubblici e le scuole, così come comunicato ieri sera dal sindaco, Antonio Decaro, sono aperte.

Emiliano a Gravina in Puglia con il sindaco Alesio Valente

Negli istituti scolastici, chiusi sino a ieri, i riscaldamenti sono stati attivati da un paio di giorni. A Lecce, invece, così come in numerosi altri Comuni della Puglia, le scuole rimarranno chiuse anche oggi.

Nelle campagne si sta procedendo alla raccolta dei prodotti ortofrutticoli nel tentativo di salvare almeno parte delle produzioni bruciate dalla neve. I prezzi degli ortaggi, nei mercati, sono raddoppiati. Danni ingenti si registrano anche nel settore zootecnico.

Al momento non è stata ancora data notizia ufficiale dalla Regione della firma del decreto di emergenza che era stato annunciato un paio di giorni fa dal presidente della giunta regionale pugliese, Michele Emiliano che dopo il sopralluogo ad Altamura si è recato a Gravina di Puglia, dove ha incontrato il sindaco Alessio Valente.

“Tutti sindaci di questa area” ha dichiarato Emiliano “hanno fatto un lavoro straordinario. Sono venuto qui per dire grazie. Per complimentarmi con il sindaco. Il sindaco Valente poco fa ha detto una frase che per certi versi mi commuove.

Ha detto “noi abbiamo imparato dai nostri errori”, facendo riferimento a una grossa nevicata di qualche anno fa. Hanno quindi messo a punto un piano efficace. In casi come questo bisogna avere chiare”.

Il presidente Emiliano si è poi recato nuovamente a Santeramo in Colle, dove ha deciso di trascorrere la notte, in modo tale da verificare sul posto lo stato degli interventi per far fronte all’emergenza neve.

Share Button